PERCORSO SPELEO

A tutti i partecipanti della manifestazione viene data la possibilità di “assaggiare” la speleologia di persona! Accompagnati da esperte guide speleologiche ed istruttori, chi vorrà potrà provare l’emozione di calarsi nel mondo sotterraneo tramite il “percorso speleo”. Una breve calata su corda, una facile strettoia e un piccolo canyon scavato dall’acqua formano questo percorso ad anello, avente caratteristiche del tutto simili a quelle di una grotta carsica. Un’esperienza da non perdere alla portata di tutti, adulti e bambini!

Per i più coraggiosi vi sarà, inoltre, la possibilità di effettuare un’escursione guidata in un abisso nei pressi del Bila Pec. Per quest’ultima attività vi sono posti limitati: affrettatevi dunque, vi aspettiamo!

LA SPELEOLOGIA SUL MONTE CANIN

Il Canin è un massiccio formato principalmente da rocce calcaree, sulle quali l’erosione carsica ha avuto modo, nei millenni, di scavare e modellare una gran varietà di formazioni, sia in superficie (doline, campi solcati, vaschette di corrosione, etc.) che all’interno della montagna (grotte). Vista la purezza e lo spessore particolarmente elevato dello strato calcareo, le grotte del Canin possono raggiungere notevole lunghezza e profondità. L’unica maniera per scoprire e mappare l’interno di queste cavità è entrarvi di persona, poichè nessun satellite, nesun radar o altro strumento al mondo è in grado di “vedere” esattamente quello che sta centinaia di metri sotto la superficie terrestre. Sono gli speleologi coloro che, per passione, si dedicano all’esplorazione e allo studio delle grotte.

Da decenni, ormai, gli altipiani del Canin attirano speleologi da ogni nazione, che si avventurano negli abissi tra pozzi, meandri, saloni e fiumi sotterranei. Ad oggi, qui sono state trovate un migliaio di grotte, di cui centinaia superano i 100 metri di profondità e una decina addirittura i -1000: la più profonda, il “Čehi 2“, si trova sul lato sloveno e raggiunge 1502 m di profondità. Proprio in Canin si trova anche il singolo pozzo più profondo del mondo, che misura 600 metri di salto verticale ininterrotto. Sempre su questa montagna vi è anche il pozzo con la cascata di ghiaccio sotterranea più lunga mai scalata: si tratta del “Brezno pod Velbom”, con una parete ghiacciata di 280 metri. Alcune grotte raggiungono anche lunghezze chilometriche, ad esempio il complesso del “Col delle Erbe”, che con uno sviluppo di più di 40 km è uno dei sistemi più estesi d’Italia.

Al di là di questi record, l’esplorazione in Canin è tutt’altro che finita: nuovi ingressi, nuove gallerie e collegamenti tra grotte diverse vengono scoperti ogni anno. L’irresistibile attrazione per l’ignoto spinge continuamente gli instancabili esploratori a sfidare le condizioni più estreme, con l’obiettivo di spostare un po’ più in là i limiti della conoscenza di questo mondo nascosto.